THE AVENGERS

recensione di daniele papa

Regia: Joss Whedon
Interpreti Principali: Robert Downey Jr, Chris Evans, Mark Ruffalo, Chris Hemsworth, Scarlett Johansson
Produzione: Usa 2012
Durata: 143’


Innanzitutto mi scuso con tutti i fan degli eroi Marvel, e sono veramente tanti, lo è anche il mio amico con cui oggi sono andato a vedere The Avengers. Io non sono un grande appassionato, ma ho visto qualche film della saga degli Xmen e qualcuno, come l’ultimo, l’ho trovato veramente ben fatto e con ottimi attori. Oggi pomeriggio ho rivisto, appunto, questo mio compagno del liceo e, dato che era il 25 aprile, non siamo certo andati a vedere Roma Città Aperta che facevano alla cineteca, ma abbiamo di comune accordo optato per The Avengers, tratto dai fumetti della Marvel, appunto. E l’ho visto anche in 3d, un’invenzione che ritengo veramente utile al progresso della civiltà umana, al pari non so, della penicillina o dell’iphone.

Allora vi racconto la storia: c’è Scarlett Johansson, con una tuta nera che le alza molto, ma di molto il fondoschiena e su cui si sofferma spesso l’occhio della camera, lei è una specie di Eva Kant russa, che seduce e uccide. Non a caso la chiamano la Vedova Nera, mica fiorellino di campo. Lei non ha alcun superpotere, ma è amica, a quanto pare, di una specie di Legolas de noialtri (non lo chiamo io così, si sbeffeggiano anche tra di loro, questo per capire come anche i supereroi si prendano sul serio) e poi c’è Hulk che ancora non ha imparato a controllare i suoi cambiamenti d’umore e poi c’è una specie di He-man con il martello che dicono che sia un dio, e ha un fratello cattivo al seguito (ma He-man non aveva una sorella, She-ra?) che naturalmente vuole distruggere la terra. Non si sa perché, ma basta distruggerla tutta questa terra, e subito. E poi c’è l’uomo torcia, che qui ha smesso di vestire i panni dell’uomo torcia (che gli stavano gran bene) che ha preferito a quelli di Capitan America, un costume a stelle e strisce che mi vergognerei di mettere anche a un pigiama party dopo venti lattine di birra.

Tutti insieme appassionatamente, e c’è pure Downey Junior che alza un poco almeno la media, nonostante ogni 1.30 secondi rischi di morire sventrato o bruciato, lui rimane sempre col sorriso e ha sempre la battuta pronta. Insomma questa scatenata mezza dozzina deve salvare la terra dai cavalieri di Ascarg (da quello che sapevo io, non era una saga dei cavalieri dello zodiaco?) e lo fanno essendo tutti uniti e superando le loro incomprensioni (fanno gruppo insomma, d’altronde sono He-man, l’uomo torcia ora vestito da Capitan America, Eva Kant, Legolas, ah e c’è anche Hulk con i suoi piccoli problemi d’umore, come farebbero a non andare tutti d’amore e d’accordo?). Tutto questo avviene a Manhattan, ma è tipo l’11 settembre 2001 e i terroristi di Al quaeda ora sono i cavalieri di Asgard, e i nostri supereroi sono tipo gli eroi dell’undici settembre e salvano la terra dai terroristi di Asgard, ma lo fanno sempre ridendo e facendosi mille battute tra di loro: la cosa che mi torna poco è che Eva Kant Johansson vuole fermare le navicelle spaziali con una berretta semiautomatica e facendo la ganza, mentre se non c’era Hulk ad ammazzare tutti , beh stavano un po’ messi male contro gli alieni terroristi di Asgard, permettetemi la vena polemica. Comunque poi tutti uniti vincono perché l’America non si fa certo intimorire da due palazzi crollati e dal terrorismo araboasgardiano, e quindi ci sono le candele, la gente che piange e che ricorda,  le interviste alla tv e i fiori sulle macerie delle torri gemelle di Asgard, e i nostri eroi che sono proprio dei supereroi tipo i pompieri.  Allora volevo cacciare un urlo, ma il film è finito con una specie di Skeletor che ha detto tornerò, perché il terrorismo è sempre dietro l’angolo che minaccia l’umanità e gli Stati Uniti d’America, e quindi anche io sono andato via. La gente applaudiva e diceva che bello: a me un signore ha ricordato che dovevo restituire gli occhialini 3d, perché costano 50 euri l’uno, me n’ero dimenticato mentre pensavo che il 3d è proprio una gran figata, e gli Stati Uniti d’America pure.

Annunci

  1. a proposito di Hulk, mi sono sempre chiesto SE I PANTALONI SI ALLARGANO TUTTE LE VOLTE CHE LUI SI INCAZZA
    gli tocca comprarli nuovi per l’episodio seguente? (e la mamma gli dice “ma cosa credi? che i soldi io li trovi per la strada?)
    oppure Banner ha inventato un tipo di jeans che si allargano e restringono a seconda che gli girino le palle o meno?

  2. mitoescatologico

    eh sai che non lo so! da quello che ho visto il povero hulk rimane nudo dopo essersi trasformato! Ma un po’ di prozac per questi sbalzi d’umore?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: